I grandi anziani: nuovi soggetti?