Il presente saggio ripercorre gli studi relativi alla psicologia del soldato svolti sul fronte della Grande guerra da padre Agostino Gemelli, nella triplice veste di cappellano, medico e direttore del Laboratorio psicofisiologico del Comando supremo dell’esercito. A livello sperimentale, con le ricerche psicofisiologiche sugli aviatori e quelle sull’udito, sul piano individuale con la determinazione di quella fisionomia psichica del combattente che ebbe ampia applicazione sul campo e grazie alle indagini di stampo antropologico e sociologico, come quelle relative al folklore di guerra, Gemelli contribuì a mettere in luce i numerosi risvolti applicativi della psicologia, tracciò con maggior precisione nuove linee di ricerca, rafforzando la crescente autonomia epistemologica e istituzionale della disciplina. La psicologia del soldato, rilevante sia sul piano militare sia su quello scientifico, alimentò e sostenne nella sua dimensione filosofica l’audace progetto di rinnovamento promosso all'interno della Chiesa cattolica dalla corrente neoscolastica, il cui fine ultimo consisteva nel ridefinire la sfera esistenziale dell’uomo moderno attraverso un nuovo percorso pedagogico e culturale

DE SANTIS, D. (2015). «Per angusta ad augusta». Agostino Gemelli e la psicologia di guerra (1915-1918). STORIA IN LOMBARDIA(1), 92-120 [10.3280/SIL2014-001003].

«Per angusta ad augusta». Agostino Gemelli e la psicologia di guerra (1915-1918)

DE SANTIS, DARIO
Primo
2015

Abstract

Il presente saggio ripercorre gli studi relativi alla psicologia del soldato svolti sul fronte della Grande guerra da padre Agostino Gemelli, nella triplice veste di cappellano, medico e direttore del Laboratorio psicofisiologico del Comando supremo dell’esercito. A livello sperimentale, con le ricerche psicofisiologiche sugli aviatori e quelle sull’udito, sul piano individuale con la determinazione di quella fisionomia psichica del combattente che ebbe ampia applicazione sul campo e grazie alle indagini di stampo antropologico e sociologico, come quelle relative al folklore di guerra, Gemelli contribuì a mettere in luce i numerosi risvolti applicativi della psicologia, tracciò con maggior precisione nuove linee di ricerca, rafforzando la crescente autonomia epistemologica e istituzionale della disciplina. La psicologia del soldato, rilevante sia sul piano militare sia su quello scientifico, alimentò e sostenne nella sua dimensione filosofica l’audace progetto di rinnovamento promosso all'interno della Chiesa cattolica dalla corrente neoscolastica, il cui fine ultimo consisteva nel ridefinire la sfera esistenziale dell’uomo moderno attraverso un nuovo percorso pedagogico e culturale
Articolo in rivista - Articolo scientifico
Storia della psicologia, Grande Guerra, Prima guerra mondiale, Storia della scienza, Agostino Gemelli, Psicologia del soldato
Italian
92
120
29
DE SANTIS, D. (2015). «Per angusta ad augusta». Agostino Gemelli e la psicologia di guerra (1915-1918). STORIA IN LOMBARDIA(1), 92-120 [10.3280/SIL2014-001003].
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Sil_Desantis.pdf

Solo gestori archivio

Dimensione 211.13 kB
Formato Adobe PDF
211.13 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/105659
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact