Discriminazioni: le trappole linguistiche