In 1977 entered into force, in the German Federal Republic, of the new law on general terms and conditions (AGB Gesetz). The article examines the new law, and compare it with the dispositions of the Italian Civil Code. The article is accompanied with a translation of the German Law into Italian, and with German bibliography references.

Il 1 aprile 1977 è entrata in vigore nella Germania federale, la nuova legge sulle condizioni generali di contratto. Il saggio tratta le linee evolutive della disciplina, facendo riferimento sia al sistema italiano (art. 1341 - 1342) sia al sitema tedesco. Il saggio è corredato dalla traduzione in italiano della AGB Gesetz, e da una ampia tavola bibliografica. II 1° aprile 1977, è entrata in vigore nella Repubblica federale tedesca la legge che disciplina le condizioni generali di contratto (Gesetz zur Regelung des Rechts der Allgemeinen Geschaftsbedingungen = AGB-Gesetz) del 9 dicembre 1976, e che, insieme con la prece-dente legge del 16 maggio 1894 sulle vendite rateali (Abzahlungsgesetz), costituisce ii complesso di norme civilistiche più importanti dirette alla difesa del consumatore. La legge regola, infatti, essenzialmente i rapporti negoziali per i quali si utilizzano condizioni generali di contratto, posti in essere tra imprenditori e consumatori finali (cfr. § 24, AGB-Gesetz, sull'ambito soggettivo di applicazione della legge), mentre si esclude un'applicazione diretta dei §§ 2, 10, 11 e 12 — il cuore delle nuove disposizioni — a condizioni generali di contratto utilizzate tra imprenditori per regolare rapporti che attengano all'esercizio dell'attività commerciale (§ 24, n. 1). A conferma della importanza della AGB-Gesetz, si aggiunga che il sistema di norme di diritto internazionale privato che il legislatore ha voluto inserirvi tende a non limitare applicazione al solo commercio tedesco (e cioè ai contratti stipulatiti nell'ambito dell'ordinamento giuridico germanico) ma estende la portata al commercio internazionale. Infatti l'AGB-Gesetz, ai sensi del § 12, trova applicazione anche per i contratti che sottostanno al diritto straniero, quando il contratto è concluso a seguito di una offerta pubblicitaria, o simile atto di marketing, avvenuta in Germania Non mancano, quindi ,effetti concreti sui rapporti commerciali tra l’Italia e la Germania. L'imprenditore italiano può per questo utilizzare condizioni generali di contratto, che non sottostanno alla nuova legge tedesca solo se avrà stipulato con un imprenditore tedesco e se contemporaneamente avrà espressamente e validamente esclusa l’applicabilità del diritto tedesco. Si vuole, cioè, per quanto possibile, assicurare al consumatore una adeguata protezione anche contro clausole inique di condizioni di contratto poste dall'imprenditore straniero. Per evitare che una clausola di esclusione del diritto tedesco diventi di stile per l’imprenditore che non volesse confrontarsi con il nuovo sistema di norme in ipotesi più sfavorevole, si prescrive in primo luogo che è invalida Ia clausola che determini convenzionalmente l'applicazione del diritto straniero (tale clausola è evidentmente invalida anche se predisposta dall'imprenditore tedesco che voglia « sfuggire » alla nuova normativa) nell'ipotesi che manchi un interesse meritevole di tutela Per questo le nuove norme non mancheranno di influenzare e dei rapporti economici che legano il commercio anche italiano con il mercato della Repubblica federale tedesca. Per comprendere il significato della nuova normativa nella reale portata sembra rilevante ricordare che il BGB non contiene, come il codice civile italiano del 1865, e diversamente codice civile del 1942, alcuna particolare disposizione normativa per le condizioni generali di contratto, cosicché il tema, è stato campo d'azione della sola dottrina e della giurisprudenza.

Franceschelli, V., Lehmann, M. (1978). La nuova legge tedesca sulle condizioni generali di contratto. IL FORO ITALIANO, 101(Parte V), 35-36-57-58.

La nuova legge tedesca sulle condizioni generali di contratto

FRANCESCHELLI, VINCENZO;
1978

Abstract

Il 1 aprile 1977 è entrata in vigore nella Germania federale, la nuova legge sulle condizioni generali di contratto. Il saggio tratta le linee evolutive della disciplina, facendo riferimento sia al sistema italiano (art. 1341 - 1342) sia al sitema tedesco. Il saggio è corredato dalla traduzione in italiano della AGB Gesetz, e da una ampia tavola bibliografica. II 1° aprile 1977, è entrata in vigore nella Repubblica federale tedesca la legge che disciplina le condizioni generali di contratto (Gesetz zur Regelung des Rechts der Allgemeinen Geschaftsbedingungen = AGB-Gesetz) del 9 dicembre 1976, e che, insieme con la prece-dente legge del 16 maggio 1894 sulle vendite rateali (Abzahlungsgesetz), costituisce ii complesso di norme civilistiche più importanti dirette alla difesa del consumatore. La legge regola, infatti, essenzialmente i rapporti negoziali per i quali si utilizzano condizioni generali di contratto, posti in essere tra imprenditori e consumatori finali (cfr. § 24, AGB-Gesetz, sull'ambito soggettivo di applicazione della legge), mentre si esclude un'applicazione diretta dei §§ 2, 10, 11 e 12 — il cuore delle nuove disposizioni — a condizioni generali di contratto utilizzate tra imprenditori per regolare rapporti che attengano all'esercizio dell'attività commerciale (§ 24, n. 1). A conferma della importanza della AGB-Gesetz, si aggiunga che il sistema di norme di diritto internazionale privato che il legislatore ha voluto inserirvi tende a non limitare applicazione al solo commercio tedesco (e cioè ai contratti stipulatiti nell'ambito dell'ordinamento giuridico germanico) ma estende la portata al commercio internazionale. Infatti l'AGB-Gesetz, ai sensi del § 12, trova applicazione anche per i contratti che sottostanno al diritto straniero, quando il contratto è concluso a seguito di una offerta pubblicitaria, o simile atto di marketing, avvenuta in Germania Non mancano, quindi ,effetti concreti sui rapporti commerciali tra l’Italia e la Germania. L'imprenditore italiano può per questo utilizzare condizioni generali di contratto, che non sottostanno alla nuova legge tedesca solo se avrà stipulato con un imprenditore tedesco e se contemporaneamente avrà espressamente e validamente esclusa l’applicabilità del diritto tedesco. Si vuole, cioè, per quanto possibile, assicurare al consumatore una adeguata protezione anche contro clausole inique di condizioni di contratto poste dall'imprenditore straniero. Per evitare che una clausola di esclusione del diritto tedesco diventi di stile per l’imprenditore che non volesse confrontarsi con il nuovo sistema di norme in ipotesi più sfavorevole, si prescrive in primo luogo che è invalida Ia clausola che determini convenzionalmente l'applicazione del diritto straniero (tale clausola è evidentmente invalida anche se predisposta dall'imprenditore tedesco che voglia « sfuggire » alla nuova normativa) nell'ipotesi che manchi un interesse meritevole di tutela Per questo le nuove norme non mancheranno di influenzare e dei rapporti economici che legano il commercio anche italiano con il mercato della Repubblica federale tedesca. Per comprendere il significato della nuova normativa nella reale portata sembra rilevante ricordare che il BGB non contiene, come il codice civile italiano del 1865, e diversamente codice civile del 1942, alcuna particolare disposizione normativa per le condizioni generali di contratto, cosicché il tema, è stato campo d'azione della sola dottrina e della giurisprudenza.
Articolo in rivista - Articolo scientifico
In 1977 entered into force, in the German Federal Republic, of the new law on general terms and conditions (AGB Gesetz). The article examines the new law, and compare it with the dispositions of the Italian Civil Code. The article is accompanied with a translation of the German Law into Italian, and with German bibliography references.
Contracts - General terms and conditions - AGB Gesetz
Contratti - Condizioni generali di contratto - Legge tedesca sulle condizioni generali di contratto
Vertrag - AGB Gesetz - Gesetz zur Regelung des Rechts der Allgemeinen Geschäftsbedingungen -
Italian
35-36
57-58
Franceschelli, V., Lehmann, M. (1978). La nuova legge tedesca sulle condizioni generali di contratto. IL FORO ITALIANO, 101(Parte V), 35-36-57-58.
Franceschelli, V; Lehmann, M
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/105403
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact