Spatial Practices è una “parola chiave” che indica la compresenza dello spazio e del tempo nelle esperienze estetiche degli spazi pubblici della città postmoderna e della Rete, secondo una distinzione tra le due realtà qui intesa come unicamente operativa. Come il diritto può tutelare questa nuovo tipo di interventi artistici?

Donati, A. (2013). Tutela giuridica della funzione sociale dell'arte. Intervento presentato a: Spacial Practices- Funzione pubblica e politica dell'arte nella società delle reti, Triennale Milano.

Tutela giuridica della funzione sociale dell'arte

DONATI, ALESSANDRA
2013

Abstract

Spatial Practices è una “parola chiave” che indica la compresenza dello spazio e del tempo nelle esperienze estetiche degli spazi pubblici della città postmoderna e della Rete, secondo una distinzione tra le due realtà qui intesa come unicamente operativa. Come il diritto può tutelare questa nuovo tipo di interventi artistici?
No
relazione (orale)
Scientifica
Arte Pubblica, Legge 717 del 1949, Art Law
Italian
Spacial Practices- Funzione pubblica e politica dell'arte nella società delle reti
Donati, A. (2013). Tutela giuridica della funzione sociale dell'arte. Intervento presentato a: Spacial Practices- Funzione pubblica e politica dell'arte nella società delle reti, Triennale Milano.
Donati, A
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/104364
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact