Rappresentazioni sociali e memoria collettiva, il ricordo del caso Di Bella