Bancarotta per distrazione: la prova della destinazione dei beni assenti