In Italia e all’estero si stanno sviluppando nuove forme di abitare in grado di garantire il «diritto all’housing adeguato», a fronte dell’incapacità dell’housing sociale di rispondere alla domanda crescente di alloggi a un canone di locazione accessibile. Si tratta di soluzioni innovative che promuovono o facilitano iniziative di rigenerazione urbana dei quartieri in cui si situano e che coinvolgono i residenti nell’uso, gestione, proprietà degli spazi comuni e degli spazi pubblici, così come dei medesimi complessi residenziali. Il volume legge questo fenomeno adattando al settore dell’housing l’impianto teorico della «città come bene comune» e dedica particolare attenzione ai processi di auto-organizzazione e co-governo delle comunità di abitanti come fattore di democratizzazione economica e al ruolo dello Stato nel facilitare questi processi. L’analisi della letteratura e, soprattutto, di casi significativi ha fatto emergere dimensioni empiriche che rafforzano la co-governance nel settore dell’housing. La più importante di queste, lo Stato-piattaforma, richiede lo sviluppo di nuove forme di partenariato tra pubbliche amministrazioni, attori privati e attori sociali e civici: i partenariati pubblico-privato-comunità per l’innovazione sostenibile.

Talluri, L., Iaione, C., Bernardi, M., Bettini, F., Prevete, C., De Nictolis, E. (2019). La casa per tutti. Modelli di gestione innovativa e sostenibile per l'adequate housing (C. Iaione, M. Bernardi, E. De Nictolis, a cura di). Bologna : Il Mulino.

La casa per tutti. Modelli di gestione innovativa e sostenibile per l'adequate housing

Bernardi, M;
2019

Abstract

In Italia e all’estero si stanno sviluppando nuove forme di abitare in grado di garantire il «diritto all’housing adeguato», a fronte dell’incapacità dell’housing sociale di rispondere alla domanda crescente di alloggi a un canone di locazione accessibile. Si tratta di soluzioni innovative che promuovono o facilitano iniziative di rigenerazione urbana dei quartieri in cui si situano e che coinvolgono i residenti nell’uso, gestione, proprietà degli spazi comuni e degli spazi pubblici, così come dei medesimi complessi residenziali. Il volume legge questo fenomeno adattando al settore dell’housing l’impianto teorico della «città come bene comune» e dedica particolare attenzione ai processi di auto-organizzazione e co-governo delle comunità di abitanti come fattore di democratizzazione economica e al ruolo dello Stato nel facilitare questi processi. L’analisi della letteratura e, soprattutto, di casi significativi ha fatto emergere dimensioni empiriche che rafforzano la co-governance nel settore dell’housing. La più importante di queste, lo Stato-piattaforma, richiede lo sviluppo di nuove forme di partenariato tra pubbliche amministrazioni, attori privati e attori sociali e civici: i partenariati pubblico-privato-comunità per l’innovazione sostenibile.
No
Scientifica
Talluri, L; Iaione, C; Bernardi, M; Bettini, F; Prevete, C; De Nictolis, E
adequate housing; public housing; CLT;
Italian
9788815284464
Talluri, L., Iaione, C., Bernardi, M., Bettini, F., Prevete, C., De Nictolis, E. (2019). La casa per tutti. Modelli di gestione innovativa e sostenibile per l'adequate housing (C. Iaione, M. Bernardi, E. De Nictolis, a cura di). Bologna : Il Mulino.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/359743
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact