L’infezione cronica da virus dell’epatite C (HCV) è la più frequente causa di cirrosi e di epatocarcinoma nel mondo e rappresenta la più comune indicazione per il trapianto di fegato[1]. La recidiva dell’infezione da HCV dopo trapianto di fegato si verifica quasi universalmente ed è responsabile dello sviluppo di cirrosi nel 30% dei riceventi dopo 5 anni dal trapianto associandosi a elevati tassi di mortalità [1,2]. Il ritrapianto (RT) rappresenta l’unica opzione terapeutica per ottenere la sopravvivenza a lungo termine in pazienti con cirrosi scompensata dopo trapianto di fegato (LT) primario [3]. Inoltre è generalmente riconosciuto che la progressione verso la cirrosi è più veloce dopo RT che dopo LT, soprattutto nei pazienti con recidiva severa (epatite colestatica, rigetto entro il primo anno). Le percentuali di sopravvivenza del paziente e dell’organo dopo RT sono inferiori a quelle dopo LT primario e sono associati a costi più elevati[3].

Bruno, R., Ciancio, A., Fagiuoli, S. (2014). Strategie terapeutiche nella gestione del paziente con epatite cronica HCV-correlata [Working paper].

Strategie terapeutiche nella gestione del paziente con epatite cronica HCV-correlata

Bruno, R;Fagiuoli, S
2014

Abstract

L’infezione cronica da virus dell’epatite C (HCV) è la più frequente causa di cirrosi e di epatocarcinoma nel mondo e rappresenta la più comune indicazione per il trapianto di fegato[1]. La recidiva dell’infezione da HCV dopo trapianto di fegato si verifica quasi universalmente ed è responsabile dello sviluppo di cirrosi nel 30% dei riceventi dopo 5 anni dal trapianto associandosi a elevati tassi di mortalità [1,2]. Il ritrapianto (RT) rappresenta l’unica opzione terapeutica per ottenere la sopravvivenza a lungo termine in pazienti con cirrosi scompensata dopo trapianto di fegato (LT) primario [3]. Inoltre è generalmente riconosciuto che la progressione verso la cirrosi è più veloce dopo RT che dopo LT, soprattutto nei pazienti con recidiva severa (epatite colestatica, rigetto entro il primo anno). Le percentuali di sopravvivenza del paziente e dell’organo dopo RT sono inferiori a quelle dopo LT primario e sono associati a costi più elevati[3].
Working paper
Scientifica
Strategie terapeutiche, epatite cronica HCV-correlata
Italian
Bruno, R., Ciancio, A., Fagiuoli, S. (2014). Strategie terapeutiche nella gestione del paziente con epatite cronica HCV-correlata [Working paper].
Bruno, R; Ciancio, A; Fagiuoli, S
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
About medicine 2014.pdf

Solo gestori archivio

Dimensione 1.33 MB
Formato Adobe PDF
1.33 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/353297
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact