Il presente volume indaga le dimensioni del welfare in Italia da una prospettiva antropologica. Senza la pretesa di essere esaustivo, il libro mostra la rilevanza del sapere antropologico nella comprensione del welfare, inteso come insieme di pratiche quotidiane di implementazione di politiche di intervento sociale. Pensare un’antropologia del welfare. Etnografie dello stato sociale in Italia ha due obiettivi principali: da un lato, si propone – attraverso un’ampia varietà di casi – una ricognizione qualitativa delle declinazioni del welfare contemporaneo in Italia, che mostri le trasformazioni, le ambiguità, le processualità che abitano l’intervento statale nella promozione del benessere individuale e collettivo; dall’altro, si intende mettere in luce i contributi che l’etnografia può fornire all’analisi delle pratiche, delle politiche e delle rappresentazioni del welfare. Entrambi gli obiettivi si fondano sul presupposto che il campo del welfare sia un contesto di ricerca privilegiato e fecondo per l’analisi antropologica.

Pozzi, G., Rimoldi, L., Tarabusi, F., Capello, C., Sanò, G., Vinai, M., et al. (2022). Pensare un'antropologia del welfare. Etnografie dello stato sociale in Italia (L. Rimoldi, G. Pozzi, a cura di). Meltemi.

Pensare un'antropologia del welfare. Etnografie dello stato sociale in Italia

Rimoldi, L;
2022

Abstract

Il presente volume indaga le dimensioni del welfare in Italia da una prospettiva antropologica. Senza la pretesa di essere esaustivo, il libro mostra la rilevanza del sapere antropologico nella comprensione del welfare, inteso come insieme di pratiche quotidiane di implementazione di politiche di intervento sociale. Pensare un’antropologia del welfare. Etnografie dello stato sociale in Italia ha due obiettivi principali: da un lato, si propone – attraverso un’ampia varietà di casi – una ricognizione qualitativa delle declinazioni del welfare contemporaneo in Italia, che mostri le trasformazioni, le ambiguità, le processualità che abitano l’intervento statale nella promozione del benessere individuale e collettivo; dall’altro, si intende mettere in luce i contributi che l’etnografia può fornire all’analisi delle pratiche, delle politiche e delle rappresentazioni del welfare. Entrambi gli obiettivi si fondano sul presupposto che il campo del welfare sia un contesto di ricerca privilegiato e fecondo per l’analisi antropologica.
No
Scientifica
Pozzi, G; Rimoldi, L; Tarabusi, F; Capello, C; Sanò, G; Vinai, M; Biffi, D; Tosi Cambini, S; Lo Re, LV; Stefani, S; Grassi, P
Antropologia, etnografia, welfare
Italian
9788855194549
Pozzi, G., Rimoldi, L., Tarabusi, F., Capello, C., Sanò, G., Vinai, M., et al. (2022). Pensare un'antropologia del welfare. Etnografie dello stato sociale in Italia (L. Rimoldi, G. Pozzi, a cura di). Meltemi.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Rimoldi, Pozzi Pensare un’antropologia del welfare.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia di allegato: Publisher’s Version (Version of Record, VoR)
Dimensione 1.55 MB
Formato Adobe PDF
1.55 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/351355
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact