Le regole come oggetti mentali