Un attentato “quasi terroristico”: Macerata 2018, il razzismo e la sfera pubblica al tempo dei social media