Il Primo Maggio odierno - istituzionalizzato, santificato, nazionalizzato - non ha nulla a che vedere con la dura lotta dei proletari di Chicago che, nel 1886, alzarono la bandiera della riduzione dell'orario di lavoro a otto ore e che trovarono negli anarchici i più coerenti e decisi sostenitori della lotta. Non poteva essere altrimenti: la lotta per la riduzione drastica dell'orario contiene in sé la potenzialità della liberazione dal lavoro salariato; per questo ha sempre incontrato una dura resistenza del padronato. In particolare negli Stati Uniti questa lotta aveva assunto dimensioni tali da costringere il governo a mostrare il suo vero volto e a tentare di stroncare nel sangue, nelle piazze e sulle forche, il movimento ed i suoi principali esponenti: i promotori dell'Associazione Internazionale dei Lavoratori. Il lettore troverà in questo libro, scritto a ridosso degli avvenimenti - e mai pubblicato in Italia - documenti e dichiarazioni originali dell'epoca che riportiamo alla luce non solo per ricordare degnamente 'i martiri di Chicago', ma anche per smascherare la mistificazione che su quella data è stata costruita per trasformarla, dopo anni di lotte coraggiose e di insurrezioni popolari, in un'inoffensiva 'festa del lavoro'.

Zecca, R. (2009). Primo Maggio : I martiri di Chicago. Zeroincondotta.

Primo Maggio : I martiri di Chicago

Zecca, R
2009

Abstract

Il Primo Maggio odierno - istituzionalizzato, santificato, nazionalizzato - non ha nulla a che vedere con la dura lotta dei proletari di Chicago che, nel 1886, alzarono la bandiera della riduzione dell'orario di lavoro a otto ore e che trovarono negli anarchici i più coerenti e decisi sostenitori della lotta. Non poteva essere altrimenti: la lotta per la riduzione drastica dell'orario contiene in sé la potenzialità della liberazione dal lavoro salariato; per questo ha sempre incontrato una dura resistenza del padronato. In particolare negli Stati Uniti questa lotta aveva assunto dimensioni tali da costringere il governo a mostrare il suo vero volto e a tentare di stroncare nel sangue, nelle piazze e sulle forche, il movimento ed i suoi principali esponenti: i promotori dell'Associazione Internazionale dei Lavoratori. Il lettore troverà in questo libro, scritto a ridosso degli avvenimenti - e mai pubblicato in Italia - documenti e dichiarazioni originali dell'epoca che riportiamo alla luce non solo per ricordare degnamente 'i martiri di Chicago', ma anche per smascherare la mistificazione che su quella data è stata costruita per trasformarla, dopo anni di lotte coraggiose e di insurrezioni popolari, in un'inoffensiva 'festa del lavoro'.
No
Divulgativa
Primo Maggio, Rivolta di Haymarket, Anarchismo, Sindacalismo, Stati Uniti, Otto Ore
Italian
La tragedia de Chicago
Spanish; Castilian
Ricardo Mella
Traduzione di libro
Zecca, R. (2009). Primo Maggio : I martiri di Chicago. Zeroincondotta.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/241365
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact