Il volume raccoglie le evidenze, al contempo metodologiche e sostantive, di una ricerca atta a valutare gli esiti di una campagna di comunicazione sui rischi derivanti dall’esposizione a sostanze chimiche. L’iniziativa è stata rivolta agli studenti e alle studentesse delle classi III, IV e V delle scuole medie superiori del Comune di Roma. Si è, infatti, esplorato, grazie all’ausilio di un accurato disegno quasi-sperimentale (con gruppo sperimentale e di controllo), il livello iniziale di competenze/conoscenze sul tema, per poi valutarne l’incremento a seguito di una campagna informativa condotta da esperti dell’Ispra. La comunicazione scientifica rappresenta, infatti, l’occasione per diffondere la conoscenza e sensibilizzare un pubblico più ampio, nonché per contribuire allo sviluppo di individui, cittadini e cittadine consapevoli e responsabili. I giovani studenti e le giovani studentesse costituiscono un target sensibile per l'attecchimento di conoscenze, valori e pratiche di comportamento adeguate. Rappresentano, inoltre, una popolazione strategica, sia per la sua capacità di veicolare conoscenze all’interno di gruppi più ampi (come, ad esempio, la famiglia o gli amici), sia perché costituisce il bacino dei cittadini e delle cittadine di domani.

Amico, A., Barone, F., D'Alessandro, G., Decataldo, A., De Marchis, E., Di Benedetto, A., et al. (2016). La comunicazione del rischio chimico: sperimentazione e valutazione nelle scuole di Roma (A. Decataldo, A. Fasanella, M. Maggi, a cura di). Milano : Franco Angeli.

La comunicazione del rischio chimico: sperimentazione e valutazione nelle scuole di Roma

Decataldo, A;
2016

Abstract

Il volume raccoglie le evidenze, al contempo metodologiche e sostantive, di una ricerca atta a valutare gli esiti di una campagna di comunicazione sui rischi derivanti dall’esposizione a sostanze chimiche. L’iniziativa è stata rivolta agli studenti e alle studentesse delle classi III, IV e V delle scuole medie superiori del Comune di Roma. Si è, infatti, esplorato, grazie all’ausilio di un accurato disegno quasi-sperimentale (con gruppo sperimentale e di controllo), il livello iniziale di competenze/conoscenze sul tema, per poi valutarne l’incremento a seguito di una campagna informativa condotta da esperti dell’Ispra. La comunicazione scientifica rappresenta, infatti, l’occasione per diffondere la conoscenza e sensibilizzare un pubblico più ampio, nonché per contribuire allo sviluppo di individui, cittadini e cittadine consapevoli e responsabili. I giovani studenti e le giovani studentesse costituiscono un target sensibile per l'attecchimento di conoscenze, valori e pratiche di comportamento adeguate. Rappresentano, inoltre, una popolazione strategica, sia per la sua capacità di veicolare conoscenze all’interno di gruppi più ampi (come, ad esempio, la famiglia o gli amici), sia perché costituisce il bacino dei cittadini e delle cittadine di domani.
No
Scientifica
Amico, A; Barone, F; D'Alessandro, G; Decataldo, A; De Marchis, E; Di Benedetto, A; Esposito, D; Fasanella, A; Floridi, E; Maggi, M; Paris, P; Pastori, V; Romoli, D
Sperimentazione; ricerca intervento; comunicazione del rischio
Italian
978-88-917-3961-2
Amico, A., Barone, F., D'Alessandro, G., Decataldo, A., De Marchis, E., Di Benedetto, A., et al. (2016). La comunicazione del rischio chimico: sperimentazione e valutazione nelle scuole di Roma (A. Decataldo, A. Fasanella, M. Maggi, a cura di). Milano : Franco Angeli.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/135985
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact